Vincenzo DiBattiti
DiBattiti studia musica sin dall’età di 12 anni impiegando tutto il suo tempo libero nelle particolari armonie elettroniche della chitarra e del basso; si esibisce su svariati palcoscenici di teatri campani e partecipa a cortometraggi come protagonista grazie ai preziosi progetti post scolastici ed ai suoi compagni di musica. In età matura conduce gli studi di Industrial Design – facoltà di Architettura – dove ha possibilità di esprimere la propria vena artistica progettando alberghi, centri residenziali e stazioni ferroviarie specializzandosi soprattutto sui materiali e i colori che li compongono nei suoi interni.
L’illuminotecnica e la progettazione di lampade diventeranno presto la sua specialità mentre nello stesso periodo si appassiona alla progettazione meccanica.
Incontra per puro caso il Tango nel 2007 dove se ne innamora prima musicalmente. Nel 2009 inizia i suoi studi di danza presso la scuola del Salone Margherita di Napoli abbandonando presto di tutto ciò che il passato aveva incontrato, conosciuto, studiato. Impiega dalle 8 alle 12 ore di studio presso la scuola e le milongas della città, incontra e studia con maestri/e e ballerini/e presenti sulla scena mondiale ed inizia a viaggiare in veste di “maratoneta di Tango” in tutta Europa. Nei primi mesi del 2013 fonda l’Associazione Culturale Tango
DiBattiti con sede stabile a Pozzuoli (NA) dove conduce in veste di presidente la formazione dei suoi primi allievi. Si appassiona al corpo umano e alla deambulazione, tutt’oggi è iscritto alla facoltà di Fisioterapia. Ormai costantemente impegnato a tempo pieno in progetti per la promulgazione del Tango argentino in diverse città d’Italia insegna e collabora con diverse partner di grande calibro professionale tra cui Marianna Ruggiero: i più interessanti sono la promulgazione del Tango fra i giovani e i giovanissimi e la formazione degli stessi sia dal punto di vista culturale, musicale che della danza.
Nel 2015, a 33 anni, prende consapevolezza che l’Arte è nell’essenza dell’essere umano sotto forma di scambi di energia.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>