Rassegna stampa


SmakNews_Smart_Marketing_logo_S

 

 


La Via della Bellezza

Diego Durante (smarknews.it)

“…la prima bellezza sarà quella che avremo costruito tra di noi”

È abbastanza difficile fornire una corretta spiegazione su cosa sia la Bellezza. Perché la bellezza può avere diverse sfumature, diversi significati, in diversi ambiti: artistico, filosofico, scientifico. Sarebbe piuttosto opportuno intraprendere un cammino che porti a scoprire quale possa essere la via della bellezza nelle sue diverse sfumature. E a farci percorrere questa strada non sarà la voce diretta di un pittore o di uno scultore, bensì di una persona che ha fatto dell’arte un evento “open air”.

resizer-300x168Emilio Donnarumma, Presidente della costituenda associazione “La via della Bellezza“, progetto ambizioso che nasce a Sant’Anastasia, cittadina vesuviana ai piedi del Monte Somma e promosso dall’Associazione focus Focolari e Lucincittà. Emilio, ex segretario comunale e con una sensibilità all’arte e alla bellezza fuori dal comune, porta nel palcoscenico della sua città, una mostra di grandi tele dell’artista internazionale Michel Pochet: una sorta di viaggio pluricromatico tra volti, luoghi e santuari dipinti dal pittore e poeta francese, viaggiatore cosmopolita, su materiali poveri come ampie lenzuola.

L’intento – spiega Donnarumma – è quello di riscoprire il valore della bellezza non tanto in senso estetico, quanto come bisogno umano primario. Tutti possiamo diventare operai della bellezza, un diritto di ciascuno, che mi piacerebbe veder realizzato nel mio paese. Lo dimostra bene con le sue opere Michel Pochet, artista che da anni ha colto la valenza di una ricerca nutrita di accoglienza, dialogo, relazione tra creature e creato. Non a caso i suoi quadri nascono sempre da esperienze di viaggio e di incontro che sono insieme estetiche e spirituali” (da un’intervista de IL MATTINO, 9/9/2014).

E allora ci affidiamo a lui per fare questo viaggio nella bellezza.

Emilio, cosa è il progetto: “La via della Bellezza”?

Anni fa ho ascoltato Michel Pochet, pittore, che parlava della Bellezza come bisogno primario dell’uomo. Sentivo che questa realtà mi apparteneva. Da allora, pur non essendo un artista, ho cercato di essere un operaio della bellezza. Negli ultimi anni ho intrapreso un mio viaggio nel bello organizzando quattro eventi a casa mia con circa 80 ospiti (il sindaco, i colleghi di lavoro, il mio dentista… sempre gli stessi… nessuno è mai mancato ad un appuntamento): la bellezza con le opere di Roberto Cipollone, nei dolci tradizionali di Napoli, nel balletto di Liliana Cosi e con le pitture di Michel Pochet. Avverto sempre che la bellezza può attirare tutti e può avere un suo valore sociale. La passione per le cose belle, l’amore per il mio Paese e il desiderio di incarnazione e, non ultima, la spinta ad uscire fuori mi hanno convinto, non certo senza un superamento della mia timidezza, ad organizzare un evento. Ho pensato di iniziare con le grandi tele di Michel. La strada dove preparazione-tele-cortile-2014abito poteva essere – ed è stata – la via della bellezza almeno per un giorno. Ho invitato alcune persone – aventi la mia stessa sensibilità – a condividere questo progetto. Quasi tutti hanno sposato l’idea. Ho detto loro che il mio desiderio era quello sperimentare, come gruppo, innanzitutto tra noi, la vera Bellezza. Nella misura in cui avremmo vissuto tale realtà gli altri avrebbero colto la Bellezza nell’evento. Anche se l’evento fosse andato male – ma non è stato così – saremmo stati (parole di tanti) contenti abbastanza per l’esperienza di famiglia, sereno dialogo, coinvolgimento emotivo, arricchimento artistico e fraternità costruita in questi mesi (tanti i momenti conviviali a casa dell’uno e dell’altro).

Chi è Michel Pochet, e perché hai deciso di dare eco proprio alle sue opere?

Da anni conosco Michel e le sue opere: un vero e proprio viaggio, un itinerario tra volti, luoghi e santuari. Come dice lui stesso: “Il pellegrinaggio della bellezza, richiede pazienza e perseveranza, fino a quando un bel giorno scopri che il maggiore santuario della bellezza era davanti alla porta di casa tua, bastava guardare nella direzione giusta”. I suoi quadri nascono da esperienze estetiche e spirituali: frammenti dell’anima impressi velocemente su un taccuino o dipinti in ginocchio sulla sabbia, al buio, in un piccolo acquerello, per appuntare quella voce interiore che parla. Michel rielabora in più versioni lo stesso soggetto: lo medita, lo purifica, affinché possa cadere il superfluo e rimanere solo l’essenziale; e non torna indietro, ma penetra nella contemplazione di quella bellezza che ha percepito e che ha bisogno del silenzio per poter parlare. I suoi dipinti, spesso di grandi dimensioni, realizzati su materiali umili, quotidiani – tele, lenzuoli, pannelli – sembrano entrare nella realtà dell’osservatore, toccarlo, parlare con lui. La tecnica scaturisce da un dialogo continuo fra segno e colore: il colore è denso, materico, fuoriesce dalla tela, diviene parola, i segni sono simboli antichi e nuovi che vivono nello spazio. Ho comprato una sua opera: una montagna di colore e nero e spicchi di cielo blu cobalto. Un’emozione fortissima. Mi ricordava un’immagine impressa nei miei occhi agli inizi del mio lavoro. Quando scendevo giù dai monti, all’imbrunire, non sapevo se era il cielo che faceva da contorno alla montagna o la montagna al cielo. Dopo circa 20 anni ho comprato il quadro. Ho letto vari scritti di Michel sul valore sociale dell’arte. A parole non so esprimermi ma ne condividevo il contenuto. In fondo anche io nel mio piccolo, con gli eventi a casa mia, avevo dato Bellezza ai miei ospiti. E parlo del periodo in cui Napoli viveva un momento difficile a causa dei rifiuti. Nel ristrutturare la mia casa – moderna – ho pensato che essa potesse accogliere tanti amici. E di fatto è così. L’armonia della casa, l’ospitalità – un dolcetto, i fiori, la musica – mettono a proprio agio l’ospite e facilitano il rapporto.

Quali sono gli eventi che organizzi con l’associazione “La via della Bellezza”?

Da un lato all’altro dei lampioni di Via Roma di Sant’Anastasia, paese in cui vivo, sono state appese le tele di Michel; altre tele ai balconi. Sui balconi luci per illuminare la strada e luci per illuminare, di sbieco, le tele. Musica di sottofondo. Il programma è con 4 violinisti che raccontano ai bambini – seduti per terra – della musica. Poi in un altro angolo un palchetto su cui un attore del Teatro di Corte di Carpi, accompagnato da un chitarrista, leggeva brani sulla Bellezza; a “leggere” i tesori nascosti nelle tele.

Dall’altro lato della strada, ormai all’imbrunire, 15 minuti di danza classica: momento molto suggestivo.

Al termine, il concerto di piano di Paolo Vergari e il tamburellista (francese) Carlo Rizzo: strepitosi!!! Tanti complimenti: dalla persona umile, da quello più colto, dal barista, dall’esperto di musica e…!

Michel, una presenza discreta ma attenta, era davvero felice. Anche il giorno dopo sono 1280px-S.Anastasia-Piazza_Trivio-300x225arrivati alcuni messaggi: è stata un’occasione ricca di tanti aspetti…, sembrava di essere in un paese diverso…, è stata la dimostrazione che c’è qualcuno che vuole davvero bene al nostro Paese…, promozione della cultura…, sembrava di essere in un’isola…, grazie dei meravigliosi momenti di autentica partecipazione che hai saputo regalare ai nostri bambini (il presidente dell’associazione dei bambini autistici)…

E ancora: Mi è sembrata una gran bella festa popolare, nel senso di popolo, che ha aggregato grandi e piccoli in scioltezza, senza rigidità né formalismi: prova ne è la partecipazione fluida per strada, dai balconi, dentro e fuori dei bar e dei cortili delle case. Il metodo che mi sembra aver funzionato alla grande: cooperazione gioiosa, partecipazione (dal basso e dall’alto… in tutti i sensi). Infine i genitori di un bambino autistico che avevamo incluso nell’organizzare la degustazione ci hanno scritto:

È “bastato” lo sguardo aperto alla Bellezza per poter realizzare una piccola meraviglia: Tommaso ha vissuto l’esperienza di essere parte di una Comunità che, riconoscendolo e riconoscendogli un ruolo, gli ha permesso, per un giorno, di rompere quel filtro di separazione che lo rende invisibile alla vita sociale. Tutti ci hanno stimolato ad andare avanti e a non attendere un anno per il prossimo evento.

Perché è importante comunicare e valorizzare l’arte?

L’arte di per se è diffusiva, contagia. Penso che la Bellezza sia anche nelle cose brutte se esse siano espressione di uno stato d’animo, di una sensazione di un parlare di se. E poi attraverso l’arte si può comunicare il senso della vita e si fornisce una chiave di lettura personale sull’essenza della vita di ognuno di noi. Accogliere l’arte fa bene! Le prime volte che facevo vacanze a Ravello (luogo suggestivo della costiera amalfitana) ho chiesto ad un mio amico se voleva vedere lo spettacolo di danza classica del New York City Ballet. Lui, penso, non aveva mai visto spettacoli di un certo livello. Ha accettato l’invito e al termine dello spettacolo era “toccato”. Aveva sperimentato, penso, anche senza capire di balletto, la Bellezza. Non so se ho reso l’idea.

preparazione-tele-2014Emilio, un’ultima domanda. Cosa è per te la Bellezza?

Penso di aver risposto già un pochino con quanto innanzi detto.

Ma riporto questo brano letto non so dove.

Mi viene in mente il Diario di Etty Hillesum (Adelphi), quella singolare ragazza che, nell’Olanda invasa dai nazisti – sebbene credente a modo suo in modo poco convenzionale –, riscopriva in sé l’ebraica volontà di vivere. Le pagine del suo diario diventarono così un irriducibile inno alla vita, mentre tutto intorno si sgretolava, puzzava di morte.

Lei, nonostante non avesse quasi più soldi per procurarsi cibo, comprava dei fiori: «Molti mi dicono: “Come puoi pensare ancora ai fiori, di questi tempi”. Ieri sera, dopo quella lunga camminata nella pioggia, e con quella vescica sotto il piede, sono ancora andata a cercare un carretto che vendesse fiori e così sono arrivata a casa con un gran mazzo di rose. Ed eccole lì, reali quanto tutta la miseria vissuta in un intero giorno».

Anch’io, quando ho passato tempi non facili, mi sono ricordato di Etty. Come lei, ho comprato un mazzetto di fiori freschi. Da mettere lì in un vaso all’ingresso, una bandiera, un ostinato proclama alla vita. Perché senza bellezza e poesia, anche della più economica, la vita diventa irreparabilmente angusta. Nella comune atmosfera, i fiori di Etty continuano a diffondere luce. A noi raccogliere il suo sì alla novità della vita, per riscoprire, nonostante il marciume attorno, la responsabilità di testimoniare che tutto è tremendamente bello.

Spesso vivo tale esperienza!


ilgazzettinovesuviano-testata-web

SPETTACOLO
Sant’Anastasia: al via la seconda edizione de “La Via della Bellezza”
14 settembre 2015 –
IGV News

Emilio-Donnarumma-630x210

 

Fervono i preparativi nella cittadina vesuviana per la seconda edizione dell’evento “La Via della Bellezza” che si terrà il 19 settembre 2015 in Piazza Trivio e via Garibaldi in Sant’Anastasia. Un percorso che si rinnova attraverso la Bellezza nelle sue diverse declinazioni tra arte, musica, scultura, poesia, ballo e laboratori per bambini.

Un incontro di persone, arte e cultura lungo Via Garibaldi e in Piazza Trivio organizzato dall’Associazione “La Via della Bellezza”. Una giornata dedicata alla poesia, ai laboratori artistici con bambini, alla performance pittorica teatrale, alle acrobazie aeree, e al tango. Un evento che si conclude con il concerto dei Musicamanovella.

“Noi dell’associazione stiamo lavorando con grande entusiasmo”, afferma Emilio Donnarumma, presidente de La Via della Bellezza, che prosegue “Vogliamo realizzare al meglio l’evento di quest’anno per non deludere tutti coloro che ci hanno dimostrato con la loro partecipazione, grande affetto per l’evento del 12 settembre dello scorso anno”.

Per il pittore francese Michel Pochet, protagonista della prima edizione dell’evento con le sue tele esposte lungo via Roma, La Via della Bellezza è un vero e proprio viaggio, un itinerario tra volti, luoghi e santuari. Per Pochet “Il pellegrinaggio della bellezza, richiede pazienza e perseveranza, fino a quando un bel giorno scopri che il maggiore santuario della bellezza era davanti alla porta di casa tua, bastava guardare nella direzione giusta”.

La cittadina ai piedi del Monte Somma ospiterà le sculture di Roberto Cipollone noto per il suo laboratorio artistico di stampo medievale e le performance pittorico teatrali di Decio Carelli che creerà una sua opera decantando poesie e parlando con il pubblico presente.

Due giovani musicisti emergenti che hanno nel sangue il blues, il rock e il jazz, Francesco Esposito e Vincenzo Ceriello, interpreteranno pezzi di Pino Daniele. Da emozione a emozione, Marianna Ruggiero e Vincenzo Di Battiti con la loro “Via del tango” prenderanno per mano il pubblico per portarlo lungo un percorso fatto di musica e passione.

Gli occhi volgeranno verso l’alto grazie alle Aerial Dancers, le acrobate aeree Annalisa Esposito, Laura Serpico e Alessia De Falco. Le Aerial Dancers sono una giovane Compagnia di Danza Aerea Napoletana che interpreta con passione e impegno rigoroso la Danza in tutte le sue sfumature, dallo studio costante di Acrobatica Aerea su vari attrezzi come cerchio, trapezio, tessuti e palo, alla continua ricerca di nuovi stimoli sperimentando stili e combinazioni diverse.

Chiude in bellezza, è il caso di dirlo, il gruppo dei Musicamanovella. La band lucana conosciuta ed amata da tutti è pronta a far ballare tutta La Via della Bellezza. “Supereroi della Pubblicità”: è questo il nome del terzo disco firmato dai Musicamanovella e che viene presentato dal gruppo come “SupereroiTour2015”. Una strizzata d’occhio al rock&roll condito da stile e ironia per cantare le gesta dei nuovi eroi: “Ulisse, Andy Warhol, Gregory Corso, Pasolini, Domenico Modugno, gli animatori del villaggio turistico del pensiero che entrano nella pubblicità per distruggerla dall’interno”.

“In questi tempi in cui la vita corre veloce, in cui sembra che un giorno non basta mai, che il mondo sembra toglierci la speranza e gli attimi da dedicare a noi stessi, a guardare una vetrina, ad ammirare i luoghi che percorriamo, come si fa a pensare, anche solo a semplicemente pensare al bello? Eppure il bello, la bellezza è sempre intorno a noi e dentro di noi – afferma l’assessora Cettina Giliberti. Non bisogna fare altro che aprire l’anima. Questo evento l’ho sostenuto per questo, per dare ai nostri cittadini ed a coloro che verranno da altri paesi l’occasione di stare insieme in un nostro luogo, dove la bellezza di ciascuno possa cogliere ed incontrare la bellezza delle varie espressioni artistiche messe in programma. Auspico una grande partecipazione ed a tutti buona via della bellezza”.

“Serate come questa, proprio come i quadri in mostra, vanno incorniciate, mentre la cultura farà da sfondo al bellissimo quadro del centro storico che senz’altro regalerà uno scenario affascinante. L’arte e la sua promozione sono priorità nell’agenda amministrativa. Come ho più volte ribadito – dice il Sindaco Lello Abete – eventi del genere gettano le basi per una comunità che si sappia scrutare dentro, in coscienza ed in profondità; solo in questo modo, il paese potrà ritenersi cresciuto. Da sindaco, garantisco ai cittadini che la mia giunta perseguirà, in ogni momento, la via della bellezza, intesa come cammino continuo verso una presa di coscienza culturale e sociale. Mi auguro che i cittadini rispondano compatti ed entusiasti a questa iniziativa”.


report-web-tv
Emilio-Donnarumma-630x210

Al via la seconda edizione de “La Via della Bellezza”

Postato da Carmine Cascone
ReportWeb.tv

Fervono i preparativi nella cittadina vesuviana per la seconda edizione dell’evento “La Via della Bellezza” che si terrà il 19 settembre 2015 in Piazza Trivio e via Garibaldi in Sant’Anastasia. Un percorso che si rinnova attraverso la Bellezza nelle sue diverse declinazioni tra arte, musica, scultura, poesia, ballo e laboratori per bambini.

Un incontro di persone, arte e cultura lungo Via Garibaldi e in Piazza Trivio organizzato dall’Associazione “La Via della Bellezza”. Una giornata dedicata alla poesia, ai laboratori artistici con bambini, alla performance pittorica teatrale, alle acrobazie aeree, e al tango. Un evento che si conclude con il concerto dei Musicamanovella.

“Noi dell’associazione stiamo lavorando con grande entusiasmo”, afferma Emilio Donnarumma, presidente de La Via della Bellezza, che prosegue “Vogliamo realizzare al meglio l’evento di quest’anno per non deludere tutti coloro che ci hanno dimostrato con la loro partecipazione, grande affetto per l’evento del 12 settembre dello scorso anno”.

Per il pittore francese Michel Pochet, protagonista della prima edizione dell’evento con le sue tele esposte lungo via Roma, La Via della Bellezza è un vero e proprio viaggio, un itinerario tra volti, luoghi e santuari. Per Pochet “Il pellegrinaggio della bellezza, richiede pazienza e perseveranza, fino a quando un bel giorno scopri che il maggiore santuario della bellezza era davanti alla porta di casa tua, bastava guardare nella direzione giusta”.

La cittadina ai piedi del Monte Somma ospiterà le sculture di Roberto Cipollone noto per il suo laboratorio artistico di stampo medievale e le performance pittorico teatrali di Decio Carelli che creerà una sua opera decantando poesie e parlando con il pubblico presente.

Due giovani musicisti emergenti che hanno nel sangue il blues, il rock e il jazz, Francesco Esposito e Vincenzo Ceriello, interpreteranno pezzi di Pino Daniele. Da emozione a emozione, Marianna Ruggiero e Vincenzo Di Battiti con la loro “Via del tango” prenderanno per mano il pubblico per portarlo lungo un percorso fatto di musica e passione.

Gli occhi volgeranno verso l’alto grazie alle Aerial Dancers, le acrobate aeree Annalisa Esposito, Laura Serpico e Alessia De Falco. Le Aerial Dancers sono una giovane Compagnia di Danza Aerea Napoletana che interpreta con passione e impegno rigoroso la Danza in tutte le sue sfumature, dallo studio costante di Acrobatica Aerea su vari attrezzi come cerchio, trapezio, tessuti e palo, alla continua ricerca di nuovi stimoli sperimentando stili e combinazioni diverse.

Chiude in bellezza, è il caso di dirlo, il gruppo dei Musicamanovella. La band lucana conosciuta ed amata da tutti è pronta a far ballare tutta La Via della Bellezza. “Supereroi della Pubblicità”: è questo il nome del terzo disco firmato dai Musicamanovella e che viene presentato dal gruppo come “SupereroiTour2015”. Una strizzata d’occhio al rock&roll condito da stile e ironia per cantare le gesta dei nuovi eroi: “Ulisse, Andy Warhol, Gregory Corso, Pasolini, Domenico Modugno, gli animatori del villaggio turistico del pensiero che entrano nella pubblicità per distruggerla dall’interno”.

“In questi tempi in cui la vita corre veloce, in cui sembra che un giorno non basta mai, che il mondo sembra toglierci la speranza e gli attimi da dedicare a noi stessi, a guardare una vetrina, ad ammirare i luoghi che percorriamo, come si fa a pensare, anche solo a semplicemente pensare al bello? Eppure il bello, la bellezza è sempre intorno a noi e dentro di noi – afferma l’assessora Cettina Giliberti. Non bisogna fare altro che aprire l’anima. Questo evento l’ho sostenuto per questo, per dare ai nostri cittadini ed a coloro che verranno da altri paesi l’occasione di stare insieme in un nostro luogo, dove la bellezza di ciascuno possa cogliere ed incontrare la bellezza delle varie espressioni artistiche messe in programma. Auspico una grande partecipazione ed a tutti buona via della bellezza”.

“Serate come questa, proprio come i quadri in mostra, vanno incorniciate, mentre la cultura farà da sfondo al bellissimo quadro del centro storico che senz’altro regalerà uno scenario affascinante. L’arte e la sua promozione sono priorità nell’agenda amministrativa. Come ho più volte ribadito – dice il Sindaco Lello Abete – eventi del genere gettano le basi per una comunità che si sappia scrutare dentro, in coscienza ed in profondità; solo in questo modo, il paese potrà ritenersi cresciuto. Da sindaco, garantisco ai cittadini che la mia giunta perseguirà, in ogni momento, la via della bellezza, intesa come cammino continuo verso una presa di coscienza culturale e sociale. Mi auguro che i cittadini rispondano compatti ed entusiasti a questa iniziativa”.


CittaNuovaQuotidiano_Logo

 

 

La via della bellezza a Sant’Anastasia
di Elena Cardinali
Città Nuova

Seconda edizione dell’evento “La Via della Bellezza” che si terrà il 19 settembre 2015 in Piazza Trivio e via Garibaldi in Sant’Anastasia in provincia di Napoli. Un percorso che declina la Bellezza in arte, musica, scultura, poesia, ballo e laboratori per bambini.

Un incontro di persone, arte e cultura lungo Via Garibaldi e in Piazza Trivio organizzato dall’Associazione “La Via della Bellezza”. Una giornata dedicata alla poesia, ai laboratori artistici con bambini, alla performance pittorica teatrale, alle acrobazie aeree, e al tango. Un evento che si conclude con il concerto dei Musicamanovella.

“Noi dell’associazione stiamo lavorando con grande entusiasmo”, afferma Emilio Donnarumma, presidente de La Via della Bellezza, che prosegue “Vogliamo realizzare al meglio l’evento di quest’anno per non deludere tutti coloro che ci hanno dimostrato con la loro partecipazione, grande affetto per l’evento del 12 settembre dello scorso anno”.

Per il pittore francese Michel Pochet, protagonista della prima edizione dell’evento con le sue tele esposte lungo via Roma, La Via della Bellezza è un vero e proprio viaggio, un itinerario tra volti, luoghi e santuari. Per Pochet “Il pellegrinaggio della bellezza, richiede pazienza e perseveranza, fino a quando un bel giorno scopri che il maggiore santuario della bellezza era davanti alla porta di casa tua, bastava guardare nella direzione giusta”.

La cittadina ai piedi del Monte Somma ospiterà le sculture di Roberto Cipollone noto per il suo laboratorio artistico di stampo medievale e le performance pittorico teatrali di Decio Carelli che creerà una sua opera decantando poesie e parlando con il pubblico presente.

Due giovani musicisti emergenti che hanno nel sangue il blues, il rock e il jazz, Francesco Esposito e Vincenzo Ceriello, interpreteranno pezzi di Pino Daniele. Da emozione a emozione, Marianna Ruggiero e Vincenzo DiBattiti con la loro “Via del tango” prenderanno per mano il pubblico per portarlo lungo un percorso fatto di musica e passione.

Gli occhi volgeranno verso l’alto grazie alle Aerial Dancers, le acrobate aeree Annalisa Esposito, Laura Serpico e Alessia De Falco. Le Aerial Dancers sono una giovane Compagnia di Danza Aerea Napoletana che interpreta con passione e impegno rigoroso la Danza in tutte le sue sfumature, dallo studio costante di Acrobatica Aerea su vari attrezzi come cerchio, trapezio, tessuti e palo, alla continua ricerca di nuovi stimoli sperimentando stili e combinazioni diverse.

Chiude in bellezza il gruppo dei Musicamanovella, la band lucana pronta a far ballare tutta La Via della Bellezza. “Supereroi della Pubblicità”: è questo il nome del terzo disco firmato dai Musicamanovella e che viene presentato dal gruppo come “SupereroiTour2015”. Rock&roll condito da stile e ironia per cantare le gesta dei nuovi eroi: “Ulisse, Andy Warhol, Gregory Corso, Pasolini, Domenico Modugno, gli animatori del villaggio turistico del pensiero che entrano nella pubblicità per distruggerla dall’interno”.


 

ilmediano1-300x63

 

 

Sant’Anastasia. Aspettando “La Via della Bellezza”
Di Rita Terracciano
ilmediano.it

13 settembre 2015

Piazza Trivio

Piazza Trivio

Sabato 19 settembre la seconda edizione dell’evento che si svolgerà tra piazza Trivio e via Garibaldi e coniugherà poesia, scultura, performance pittorica teatrale, acrobazie aeree e tango. A concludere la manifestazione, il concerto dei Musicamanovella.
Una mostra di parole ed immagini, ma anche musica, ballo e tanto altro, che offre preziosi spunti per la riflessione e la meditazione su un tema angusto ed attuale: la bellezza. Una manifestazione, patrocinata dal comune anastasiano e realizzata grazie al sostegno di diversi sponsor locali, che sembra andare controcorrente ai modelli superficiali ed effimeri sui quali si basa la società contemporanea e che invita la collettività ad aprire le porte ai vari tipi di bellezza che in questo evento sono racchiusi.

“La Via della Bellezza”: è questo il nome della kermesse organizzata dall’omonima associazione che fa capo a Emilio Donnarumma, in passato segretario generale del comune di Sant’Anastasia, e che si svolgerà il prossimo sabato 19 settembre presso il centro storico della cittadina vesuviana. Piazza Trivio (foto) e via Garibaldi diventeranno la cornice di eventi open air che inizieranno alle 17.30 con l’esposizione delle sculture di Roberto Cipollone e proseguiranno alle ore 18.30 con due giovani musicisti emergenti, Francesco Esposito e Vincenzo Ceriello, che faranno emozionare il pubblico con una cover di brani di Pino Daniele.

Alle 19.15 ci sarà la performance pittorica teatrale di Decio Carelli e intorno alle ore 20 Marianna Ruggiero e Vincenzo Di Battiti con la loro “Via del tango” prenderanno per mano il pubblico per portarlo lungo un percorso fatto di musica e passione. Alle 20.15 si darà spazio all’esibizione delle Aerial Dancers, giovane Compagnia di Danza Aerea Napoletana con le esibizioni delle acrobate Annalisa Esposito, Laura Serpico ed Alessia De Falco. L’evento si concluderà con “ilSupereroiTour2015” concerto della band lucana Musicamanovella.

Per l’occasione abbiamo rivolto qualche domanda proprio all’ideatore ed organizzatore dell’evento, Emilio Donnarumma.
Perché l’esigenza di creare un evento dedicato alla bellezza a trecentosessanta gradi?
«Alcuni anni fa ascoltavo un amico pittore, Michel Pochet, che parlava della bellezza quale bisogno primario dell’uomo e che in tal senso tutti nascono “artisti”, vivono di bellezza e possono contribuire a diffonderla e trasformare in meglio il proprio pezzetto di società. Ho sentito che anche io potevo essere un “operaio” della bellezza e che potevo contribuire a seminarla nella comunità in cui vivo. Dopo il primo evento abbiamo costituito l’associazione “La Via della Bellezza” sicuri che la prima bellezza dobbiamo costruirla tra di noi dialogando, perdendo le nostre idee, aprendo le nostre case».

Oggi c’è una certa abitudine al cattivo gusto ed alla volgarità: secondo lei la bellezza, intesa in senso universale, salverà davvero il mondo?
«Dicevamo che la bellezza è un bisogno primario, ma quale bellezza? Non una bellezza leccata, facile, kitsch. Quella si prostituisce nei supermercati per farti comprare. La bellezza usa e getta. Quella di cui si impadroniscono i rotocalchi e la televisione. Ma una bellezza forte, decisa, esigente. Una bellezza che devi cercare, riconoscere dietro le apparenze, ammansire, farti amica. Non sono in grado di dire se la Bellezza davvero salverà il mondo ma noto che se si presenta il bello si suscita l’adesione e si riscontra successo. Una bellezza, però, che non è mai disgiunta dalla solidarietà, dalla gentilezza, dall’amore. Un particolare “sogno” dell’associazione è quello di realizzare, in un futuro non troppo lontano, un Centro permanente, inteso come laboratorio, in particolare per i giovani: un punto di incontro dove imparare e sperimentare, con l’aiuto di artisti, la bellezza, la sensibilità, la gentilezza».

Che spunti di riflessione e meditazione si vogliono offrire al pubblico?
«Inviterei ciascuno a riscoprire l’artista che è in se e che in quanto tale può lavorare per proteggere, diffondere e seminare Bellezza, in particolare nei nostri territori, spesso segnati da forme di degrado ambientale, sociale e culturale. La Bellezza, d’altra parte, se non è intesa come fatto puramente estetico o oggetto di una fruizione consumistica, non può generarsi da sola: essa ha bisogno di persone che abbiano scoperto il senso più profondo della socialità come frutto del dialogo e della comunione e vogliano vivere coerentemente con questi principi. Tutto quello che l’associazione si pone di fare mira appunto ad introdurre nei rapporti umani, nelle attività quotidiane, nella vita civile esperienze di bellezza».

È proprio il caso di dirlo: non ci resta che ripartire dal bello.


 

La Via della Bellezza 2014

Il Mattino online

 Sant’Anastasia,
il centro storico si trasforma nella «Via della bellezza»

il-mattino-online

L’arte di Michel Pochet,
musica, poesia, danza e laboratori open air per un progetto sperimentale di
aggregazione

PER APPROFONDIRE:Santanastasia ; via della bellezza ; Michel Pochet

di Donatella Trotta

«La via della bellezza». Nella duplice accezione di luogo fisico – ossia di strada concreta – ma anche in senso simbolico: come itinerario della vita verso l’armonia. Non soltanto estetica. È ambizioso il progetto che questo venerdì, nella centrale via Roma a Sant’Anastasia, cittadina vesuviana ai piedi del Monte Somma e parte integrante dei tredici Comuni del Parco nazionale del Vesuvio, verrà realizzato in un susseguirsi di eventi «open air».
Fitto il programma, dal titolo appunto «La via della bellezza», che per un intero pomeriggio e serata trasformerà via Roma in sito espositivo – con un’installazione site specific – ma anche in scena teatrale, laboratoriale, musicale, coreografica, poetica e conviviale. Aperta a tutti: grandi e bambini (anche disabili).

Tutti, coinvolti nella prima edizione di un’inedita e sperimentale iniziativa di aggregazione che prevede, alle 17,30, l’apertura informale di una mostra di 18 grandi tele (tre metri per tre) dell’artista di fama internazionale Michel Pochet: una sorta di viaggio pluricromatico
tra volti, luoghi e santuari dipinti dal pittore e poeta francese, viaggiatore cosmopolita, su materiali poveri come ampie lenzuola, appese per l’occasione tra lampioni e balconi della strada. A seguire, momenti di musica e immagini con un percorso didattico per i più piccoli, con la violinista Ondina Furnari; reading di brani letterari sulla bellezza interpretati da Ferdinando Napolitano del Teatro di Corte di Carpi, accompagnato dal chitarrista Francesco Esposito; e, ancora, una originale «caccia ai tesori» (ore 18,30) nascosti nelle opere di Pochet per scoprirne il significato profondo, a cura di Tatiana Falsini.

Dopo le 19, sarà la volta della danza: con la coreografia «La Bellezza in movimento» di Rossella Lo Sapio, della Scuola di danza Performance. E se alle 19,45 non mancherà un momento di riscoperta dei cinque sensi legato al Monte Somma, con una degustazione di vini delle cantine
Olivella (prenotazione obbligatoria: 339/8776873), dopo il tramonto saranno declamate «parole di Bellezza» tra poesie e canzoni (con Ferdinando Napolitano e Francesco Esposito, ore 20). In chiusura (dalle ore 21) un concerto di pianoforte e tamburello con i musicisti Paolo Vergarie Carlo Rizzo, reduci da personali successi in Cina e in Francia.

L’evento, promosso dall’Associazione focus Focolari e Lucincittà, con il patrocinio del Comune di Sant’Anastasia, nasce da un’idea di Emilio Donnarumma, 63 anni, già segretario comunale per molti anni nella sua città e ora a Capodrise: «L’intento – spiega Donnarumma – è quello di riscoprire il valore della bellezza non tanto in senso estetico, quanto come bisogno umano primario. Tutti possiamo diventare operai della bellezza, un diritto di ciascuno, che mi piacerebbe veder realizzato nel mio paese. Lo dimostra bene con le sue opere Michel Pochet, artista che da anni ha colto la valenza di una ricerca nutrita di accoglienza, dialogo, relazione tra creature e creato. Non a caso i suoi quadri nascono sempre da esperienze di viaggio e di incontro che sono insieme estetiche e spirituali».

La sfida di Donnarumma è stata così raccolta e condivisa da un gruppo di professionisti, coinvolti attivamente nell’iniziativa: gli architetti Anna Maiello, Antonio Casillo e Giovanni Lucchese; il commercialista Paolo Liguoro; la docente Valeria Rea; l’imprenditore Domenico Ceriello; l’avvocato Paolo Vassallo; la violinista Ondina Furnari; la soprano e docente Anna Incoronato; e poi Miriam Pota e Andrea Colella, assieme a tanti altri volontari convinti dell’utilità dell’(apparente) inutile, per parafrasare un bel titolo del filosofo Nuccio Ordine. Ossia, come direbbe Peppino Impastato, certi che «se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà».

martedì 9 settembre 2014 – 17:25
Ultimo agg.: 17:51

© RIPRODUZIONE RISERVATA


La Provincia online

Vino e musica con “I cinque sensi del Monte Somma”

8 settembre, 2014 19.59 | di La Redazione

La via della Bellezza - Volto di Cristo

La via della Bellezza – Volto di Cristo


SANT’ANASTASIA.

Un appuntamento da non perdere venerdì 12 settembre alle ore 19.45 in via Roma a Sant’Anastasia nell’ambito della manifestazione “La via della bellezza” a “I cinque sensi del Monte Somma”, 
degustazione
multisensoriale dei suoi cinque vini accompagnata dal suono del pianoforte e dalla visione di cinque video. Attraverso i cinque sensi si effettuerà un
viaggio che mescolando archeologia, musica e vino percorrerà sentieri
affascinanti, misteriosi, sconosciuti e fino ad ora negati ai più.

Vini in degustazione

Lacrimabianco, Lacryma Christi del Vesuvio D.O.C. Bianco 2013
Emblema, Caprettone Vesuvio D.O.C. Bianco 2013
Katà, Catalanesca I.G.T. del Monte Somma Bianco 2013
VIPT, Piedirosso Vesuvio D.O.C. Rosso 2012
Lacrimanero, Lacryma Christi del Vesuvio D.O.C. Rosso 2012

Con la partecipazione di:
Ugo Baidassarre, giornalista enogastonomico
Ferdinando De Simone, archeologo del’Università di Oxford
Domenico Ceriello, di Cantine Olivella

Musiche composte da Girolamo De Simone
I video sono stati realizzati grazie alla preziosa collaborazione di
Ferdinando De Simone, Paolo Principe, Vincenzo Ceriello, Raffaele Sodano e Antonio Coppola

Per poter partecipare all’evento è indispensabile accreditarsi al seguente numero di telefono:
339 8776873


InComune online

La Bellezza in via Roma

Esposizione di quadri, musica, cultura, degustazione di vini

Michel Pochet - Cristo - La via della Bellezza

Michel Pochet – Cristo – La via della Bellezza

Il 12 settembre prossimo via Roma cambierà look.18 grandi tele, opere del noto pittore francese Michel Pochet la renderanno mostra  all’aperto per l’evento denominato “La via della bellezza”, organizzato dalle  Associazioni Focus e LucinCittà, che ha ottenuto il patrocinio ed il contributo dell’Ente.

Un evento che vedrà la via centrale di Sant’Anastasia arredata ed abbellita dalle tele, da un pianoforte a centro strada ed intorno divanetti e tavolini per favorire dialogo, incontro, contemplazione. Arte, spettacolo e cultura si fonderanno per offrire ai cittadini un luogo armonioso in cui possono trovar posto bambini –  per una caccia ai tesori nascosti nelle grandi tele per scoprirne il significato profondo, a cura di Tatiana Falsini – nonchè adulti e famiglie chiamati a visitare la mostra e ad assistere alla performance di artisti (violinisti, pianisti, suonatori di tamburelli, poeti, attori ecc.) e, in un cortile, fermarsi a degustare vini.

Nell’ambito della manifestazione, infatti, si terrà “I cinque sensi del Monte Somma”, degustazione multisensoriale (con prenotazione obbligatoria al numero 339 8776873) di cinque vini di Cantine Olivella, azienda vitivinicola locale, accompagnati da
altrettanti video musicati per l’occasione dal M° Girolamo De Simone.
Parteciperanno Ugo Baldassarre, giornalista enogastronomico, Girolamo Ferdinando De Simone, archeologo di Apolline Project e Domenico Ceriello delle Cantine Olivella.

L’invito esplicito ai cittadini è quello di passeggiare, come al solito per via Roma, in una strada, però, trasformata e “diversa”; quello implicito è di accostarsi alla “bellezza” senza pregiudizio, senza timore, aprendo il cuore e la mente oltre agli occhi e alle orecchie; ascoltando nel silenzio interiore quello che le opere degli artisti vogliono comunicare.

Concluderà l’evento un concerto per pianoforte.

“Il pellegrinaggio della bellezza –  afferma Michel Pochet – richiede pazienza e perseveranza, fino a quando un bel giorno scopri che il maggiore santuario della bellezza era davanti alla porta di casa tua, bastava guardare nella direzione giusta”.

“Quando proprio in via Roma, appena eletto, nel corso di un evento in piazza IV Novembre il dott. Emilio Donnarumma mi comunicò la sua idea di trasformare via Roma
in Via della Bellezza,  lo incoraggiai a presentare il progetto. Un progetto ambizioso – afferma il sindaco Lello Abete – che sono certo sarà coinvolgente e riuscirà a trasmettere emozioni ai visitatori e ad indurre a riflettere sul senso della bellezza e di come ciascuno di noi può contribuire a migliorare il paese rendendolo anche bello”.

“Abbiamo patrocinato e contribuito economicamente alla realizzazione di quest’evento, compreso in un settembre ricco di appuntamenti – affermano gli assessori Cettina Giliberti e Fernando De Simone – perché abbiamo creduto all’idea progettuale, che è rivolta a tutte le fasce d’età. Ci ha convinto anche la location scelta, luogo particolarmente adatto sia in quanto rappresenta il pieno centro storico, sia perché ben si presta ad accogliere eventi di rilievo culturale e di spettacolo”.

“Siamo un gruppo di amici che, insieme alle Associazioni Focus e LucinCittà, vogliono
provare ad essere operai della Bellezza. Sembrerebbe un progetto ambizioso e anacronistico soddisfare il bisogno del bello quale bisogno primario di ogni uomo; ciò nonostante – spiega Emilio Donnarumma – crediamo che  in un periodo di crisi quale stiamo attraversando risulta oltremodo necessario riscoprire uno dei principi
fondamentali  della vita dell’uomo che dà senso alla sua esistenza”.

Giuseppe Piscopo – direttore

 

P R O G R A M M A

Ore 17,30 – Apertura mostra delle
grandi tele del pittore Michel Pochet

Ore 18,15 – Brani sulla Bellezza
interpretati da Ferdinando Napolitano dal Teatro di Corte di Carpi accompagnato
dal chitarrista Francesco Esposito

Ore 18,30 – Caccia ai tesori
nascosti nelle grandi tele per scoprirne il significato profondo a cura di
Tatiana Falsini

Ore 19,15 – La Bellezza in
movimento: coreografia a cura di Rossella Lo Sapio della Scuola di danza Perfomance

Ore 19,45 – I cinque sensi del Monte
Somma: degustazione dei vini di Cantine Olivella (prenotazione obbligatoria al
339.8776873)

Ore 20,00 – Parole di Bellezza:
poesie e canzoni con Ferdinando Napolitano e Francesco Esposito

Ore 21,00 – Preludio Intrusioni con
Paolo Vergari al pianoforte e Carlo Rizzo al
tamburello

Musica e immagini: Percorso
didattico per i bambini con la violinista Ondina Furnari


Il Fatto Vesuviano

di Mirko Dioneo 9 settembre 2014 – 13:01

Quadri, musica e vino: il centro di Sant’Anastasia diventa “La Via della
Bellezza”

Sant’Anastasia

Il 12 settembre via Roma cambierà look: 18 grandi tele, opere del noto pittore francese Michel Pochet la renderanno mostra all’aperto per l’evento denominato “La via della bellezza”, organizzato dalle Associazioni Focus e LucinCittà, che ha ottenuto il patrocinio ed il contributo dell’Ente. Un evento che vedrà la via centrale di Sant’Anastasia arredata ed abbellita dalle tele, da un pianoforte a centro strada ed intorno divanetti e tavolini per favorire dialogo, incontro, contemplazione.

Arte, spettacolo e cultura si fonderanno per offrire ai cittadini un luogo armonioso in cui possono trovar posto bambini –  per una caccia ai tesori nascosti nelle grandi tele per scoprirne il significato profondo, a cura di Tatiana Falsini – nonché adulti e famiglie chiamati a visitare la mostra e ad assistere alla performance di artisti (violinisti, pianisti, suonatori di tamburelli, poeti, attori) e, in un cortile, fermarsi a
degustare vini. Nell’ambito della manifestazione, infatti, si terrà “I cinque sensi del Monte Somma”, degustazione multisensoriale (con prenotazione obbligatoria al numero 339 8776873) di cinque vini di Cantine Olivella, azienda vitivinicola locale, accompagnati da altrettanti video musicati per l’occasione dal M° Girolamo De Simone. Parteciperanno Ugo Baldassarre, giornalista enogastronomico, Girolamo Ferdinando De Simone, archeologo di Apolline Project e Domenico Ceriello delle Cantine Olivella.

L’invito esplicito ai cittadini è quello di passeggiare, come al solito per via Roma, in una strada, però, trasformata e “diversa”; quello implicito è di accostarsi alla “bellezza” senza pregiudizio, senza timore, aprendo il cuore e la mente oltre agli occhi e alle orecchie; ascoltando nel silenzio interiore quello che le opere degli artisti vogliono comunicare.

Concluderà l’evento un concerto per pianoforte. «Il pellegrinaggio della bellezza –  afferma Michel Pochet – richiede pazienza e perseveranza, fino a quando un bel giorno scopri che il maggiore santuario della bellezza era davanti alla porta di casa tua, bastava guardare nella direzione giusta». «Quando proprio in via Roma, appena eletto, nel corso di un evento in piazza IV Novembre il dott. Emilio Donnarumma mi comunicò la sua idea di trasformare via Roma in “Via della Bellezza”, lo incoraggiai a presentare il progetto. Un progetto ambizioso – afferma il sindaco Lello Abete – che sono certo sarà coinvolgente e riuscirà a trasmettere emozioni ai visitatori e ad indurre a riflettere sul senso della bellezza e di come ciascuno di noi può contribuire a migliorare il paese rendendolo anche bello».

«Abbiamo patrocinato e contribuito economicamente alla realizzazione di quest’evento, compreso in un settembre ricco di appuntamenti – affermano gli assessori Cettina Giliberti e Fernando De Simone – perché abbiamo creduto all’idea progettuale, che è rivolta a tutte le fasce d’età. Ci ha convinto anche la location scelta, luogo particolarmente adatto sia in quanto rappresenta il pieno centro storico, sia perché ben si presta ad accogliere eventi di rilievo culturale e di spettacolo». «Siamo un gruppo di amici che, insieme alle Associazioni Focus e LucinCittà, vogliono
provare ad essere operai della Bellezza. Sembrerebbe un progetto ambizioso e anacronistico soddisfare il bisogno del bello quale bisogno primario di ogni uomo; ciò nonostante – spiega Emilio Donnarumma – crediamo che  in un periodo di crisi quale stiamo attraversando risulta oltremodo necessario riscoprire uno dei principi fondamentali  della vita dell’uomo che dà senso alla sua esistenza».

P R O G R A M M A

Ore 17,30 – Apertura mostra delle grandi tele del pittore Michel Pochet

Ore 18,15 – Brani sulla Bellezza interpretati da Ferdinando Napolitano dal Teatro di Corte di Carpi accompagnato dal chitarrista Francesco Esposito

Ore 18,30 – Caccia ai tesori nascosti nelle grandi tele per scoprirne il significato profondo a cura di Tatiana Falsini

Ore 19,15 – La Bellezza in movimento: coreografia a cura di Rossella Lo Sapio della Scuola di danza Perfomance

Ore 19,45 – I cinque sensi del Monte Somma: degustazione dei vini di
Cantine Olivella (prenotazione obbligatoria al 339.8776873)

Ore 20,00 – Parole di Bellezza: poesie e canzoni con Ferdinando Napolitano
e Francesco Esposito

Ore 21,00 – Preludio Intrusioni con Paolo Vergari al pianoforte e Carlo Rizzo al tamburello
Musica e immagini: Percorso didattico per i bambini con la violinista Ondina Furnari


 

IlGazzettino.com

 ilgazzettinovesuviano-testata-web

IL GAZZETTINO VESUVIANO Quotidiano Online – Web TV

lunedì, 15 set 2014 – Dolores, Addolorata, Emiliano

Sant’Anastasia 

La Bellezza in via Roma: esposizione di quadri, musica, cultura,
degustazione di vini

9 settembre 2014  –  IGV News

La-via-della-Bellezza-Volto-di-Cristo

Il 12 settembre prossimo via Roma cambierà look: 18 grandi tele, opere del noto pittore francese Michel Pochet< la renderanno mostra all’aperto per l’evento denominato “La via della bellezza”, organizzato dalle Associazioni Focus e LucinCittà, che ha ottenuto il patrocinio ed il contributo dell’Ente. Un evento che vedrà la via centrale di Sant’Anastasia arredata ed abbellita dalle tele, da un pianoforte a centro strada ed intorno divanetti e tavolini per favorire dialogo, incontro, contemplazione. Arte, spettacolo e cultura si fonderanno per offrire ai cittadini un luogo armonioso in cui possono trovar posto bambini – per una caccia ai tesori nascosti nelle grandi tele per scoprirne il significato profondo, a cura di Tatiana Falsini – nonché adulti e famiglie chiamati a visitare la mostra e ad assistere alla performance di artisti (violinisti, pianisti, suonatori di tamburelli, poeti, attori ecc.) e, in un cortile, fermarsi a degustare vini.
Nell’ambito della manifestazione, infatti, si terrà “I cinque sensi del Monte Somma”, degustazione multisensoriale (con prenotazione obbligatoria al numero 339 8776873) di cinque vini di Cantine Olivella, azienda vitivinicola locale, accompagnati da altrettanti video musicati per l’occasione dal M° Girolamo De Simone.

Parteciperanno Ugo Baldassarre, giornalista enogastronomico, Girolamo Ferdinando De Simone, archeologo di Apolline Project e Domenico Ceriello delle Cantine Olivella.
L’invito esplicito ai cittadini è quello di passeggiare, come al solito per via Roma, in una strada, però, trasformata e “diversa”; quello implicito è di accostarsi alla “bellezza” senza pregiudizio, senza timore, aprendo il cuore e la mente oltre agli occhi e alle orecchie; ascoltando nel silenzio interiore quello che le opere degli artisti vogliono comunicare.
Concluderà l’evento un concerto per pianoforte. 

“Il pellegrinaggio della bellezza – afferma Michel Pochet – richiede pazienza e
perseveranza, fino a quando un bel giorno scopri che il maggiore santuario della bellezza era davanti alla porta di casa tua, bastava guardare nella direzione giusta”.
“Quando proprio in via Roma, appena eletto, nel corso di un evento in piazza IV
Novembre il dott. Emilio Donnarumma mi comunicò la sua idea di trasformare via Roma in Via della Bellezza, lo incoraggiai a presentare il progetto. Un progetto ambizioso – afferma il sindaco Lello Abete – che sono certo sarà coinvolgente e riuscirà a trasmettere emozioni ai visitatori e ad indurre a riflettere sul senso della bellezza e di come ciascuno di noi può contribuire a migliorare il paese rendendolo anche bello”. “Abbiamo patrocinato e contribuito economicamente alla realizzazione di quest’evento, compreso in un settembre ricco di appuntamenti – affermano gli assessori Cettina Giliberti e Fernando De Simone – perché abbiamo creduto all’idea progettuale, che è rivolta a tutte le fasce d’età. Ci ha convinto anche la location scelta, luogo particolarmente adatto sia in quanto rappresenta il pieno centro storico, sia perché ben si presta ad accogliere eventi di rilievo culturale e di spettacolo”.

“Siamo un gruppo di amici che, insieme alle Associazioni Focus e LucinCittà, vogliono provare ad essere operai della Bellezza. Sembrerebbe un progetto ambizioso e anacronistico soddisfare il bisogno del bello quale bisogno primario di ogni uomo; ciò nonostante – spiega Emilio Donnarumma – crediamo che in un periodo di crisi quale stiamo attraversando risulta oltremodo necessario riscoprire uno dei principi fondamentali della vita dell’uomo che dà senso alla sua esistenza”.

Il Capo Ufficio Stampa
Giuseppe Piscopo

P R O G R A M M A
Ore 17,30 – Apertura mostra delle grandi tele del pittore Michel Pochet
Ore 18,15 – Brani sulla Bellezza interpretati da Ferdinando Napolitano dal
Teatro di Corte di Carpi accompagnato dal chitarrista Francesco Esposito
Ore 18,30 – Caccia ai tesori nascosti nelle grandi tele per scoprirne il
significato profondo a cura di Tatiana Falsini
Ore 19,15 – La Bellezza in movimento: coreografia a cura di Rossella Lo Sapio della Scuola di danza Perfomance
Ore 19,45 – I cinque sensi del Monte Somma: degustazione dei vini di Cantine
Olivella (prenotazione obbligatoria al 339.8776873)
Ore 20,00 – Parole di Bellezza: poesie e canzoni con Ferdinando Napolitano e
Francesco Esposito
Ore 21,00 – Preludio Intrusioni con Paolo Vergari al
pianoforte e Carlo Rizzo al tamburello
Musica e immagini: Percorso didattico per i bambini con la violinista Ondina Furnari


IlMediano.it

ilmediano1-300x63Sant’Anastasia. La Bellezza in via Roma

11/09/2014

La-via-della-Bellezza-Volto-di-Cristo

Opera di Michel Pochet

Esposizione di quadri, musica, cultura, degustazione di vini il prossimo 12 settembre a Sant’Anastasia. 

Il 12 settembre prossimo via Roma cambierà look: 18 grandi tele, opere del noto pittore francese Michel Pochet la renderanno mostra all’aperto per l’evento denominato “La via della bellezza”, organizzato dalle Associazioni Focus e LucinCittà, che ha ottenuto il patrocinio ed il contributo dell’Ente. Un evento che vedrà la via centrale di Sant’Anastasia arredata ed abbellita dalle tele, da un pianoforte a centro strada ed intorno divanetti e tavolini per favorire dialogo, incontro, contemplazione. Arte, spettacolo e cultura si fonderanno per offrire ai cittadini un luogo armonioso in cui possono trovar posto bambini – per una caccia ai tesori nascosti nelle grandi
tele per scoprirne il significato profondo, a cura di Tatiana Falsini – nonchè adulti e famiglie chiamati a visitare la mostra e ad assistere alla performance di artisti (violinisti, pianisti, suonatori di tamburelli, poeti, attori ecc.) e, in un cortile, fermarsi a degustare vini.
 

Nell’ambito della manifestazione, infatti, si terrà “I cinque sensi del Monte Somma”, degustazione
multisensoriale (con prenotazione obbligatoria al numero 339 8776873) di cinque vini di Cantine Olivella, azienda vitivinicola locale, accompagnati da altrettanti video musicati per l’occasione dal M° Girolamo De Simone. Parteciperanno Ugo Baldassarre, giornalista enogastronomico, Girolamo
Ferdinando De Simone, archeologo di Apolline Project e Domenico Ceriello delle Cantine Olivella.
 

L’invito esplicito ai cittadini è quello di passeggiare, come al solito per via Roma, in una strada, però, trasformata e “diversa”; quello implicito è di accostarsi alla “bellezza” senza pregiudizio, senza timore, aprendo il cuore e la mente oltre agli occhi e alle orecchie; ascoltando nel silenzio interiore quello che le opere degli artisti vogliono comunicare. Concluderà l’evento un concerto per pianoforte. 

“Il pellegrinaggio della bellezza – afferma Michel Pochet – richiede pazienza e perseveranza, fino a quando un bel giorno scopri che il maggiore santuario della bellezza era davanti alla porta di casa tua, bastava guardare nella direzione giusta”. 

“Quando proprio in via Roma, appena eletto, nel corso di un evento in piazza IV Novembre il dott. Emilio Donnarumma mi comunicò la sua idea di trasformare via Roma in Via della Bellezza, lo incoraggiai a presentare il progetto. Un progetto ambizioso – afferma il sindaco Lello Abete – che sono certo sarà coinvolgente e riuscirà a trasmettere emozioni ai visitatori e ad indurre a riflettere sul senso della bellezza e di come ciascuno di noi può contribuire a migliorare il paese rendendolo anche bello”. 

“Abbiamo patrocinato e contribuito economicamente alla realizzazione di quest’evento, compreso in un settembre ricco di appuntamenti – affermano gli assessori Cettina Giliberti e Fernando De Simone – perché abbiamo creduto all’idea progettuale, che è rivolta a tutte le fasce d’età. Ci ha
convinto anche la location scelta, luogo particolarmente adatto sia in quanto rappresenta il pieno centro storico, sia perché ben si presta ad accogliere eventi di rilievo culturale e di spettacolo”.
 

“Siamo un gruppo di amici che, insieme alle Associazioni Focus e LucinCittà, vogliono provare ad essere operai della Bellezza. Sembrerebbe un progetto ambizioso e anacronistico soddisfare il bisogno del bello quale bisogno primario di ogni uomo; ciò nonostante – spiega Emilio Donnarumma – crediamo che in un periodo di crisi quale stiamo attraversando risulta oltremodo necessario riscoprire uno dei principi fondamentali della vita dell’uomo che dà senso alla sua esistenza”.


 

“INCONTRO – La via della bellezza”

Michel Pochet - Cristo - La via della Bellezza

Michel Pochet – Cristo – La via della Bellezza

autismaid-org

 

(autismaidonlus.org)

La bellezza è un bisogno primario, come bere, mangiare, dormire, essere protetti dal freddo e dal caldo.
Senza acqua si muore dopo cinque giorni, senza cibo dopo quaranta. Una notte di gelo basta per morire.
Senza bellezza dopo quanto tempo si muore?
Si può morire dignitosamente di fame, di sete, di freddo.
Senza bellezza non si nasce alla vita umana.
La bellezza è un bisogno primario, ma quale bellezza? Non una bellezza facile, kitsch. Quella si prostituisce nei supermercati per farti comprare. La bellezza usa e getta. Ma una bellezza forte, decisa, esigente. Una bellezza che devi cercare, riconoscere dietro le apparenze, ammansire, farti amica.
In un primo tempo la bellezza la cerchi, magari in capo al mondo, e quando l’hai trovata sembra allontanarsi come la vetta della montagna, pare sempre più lontana a misura che te ne avvicini.
Il pellegrinaggio della bellezza richiede pazienza e perseveranza, ma ad ogni suo santuario raggiunto l’orizzonte è più disteso, l’aria più tersa, la mente più lucida, il cuore più sereno.
E un bel giorno scopri che il maggiore santuario della bellezza era davanti alla porta di casa tua.
Bastava guardare nella direzione giusta.
Al primo colpo d’occhio qualcosa è cambiato in questo 12 settembre.
Tutta Via Roma è arredata in modo diverso.
Delle grandi tele del pittore Michel Pochet abbelliscono la strada.
Un pianoforte è apparso al centro di essa.
Sparsi in vari punti divanetti e tavolini favoriscono rapporti conviviali e consentono di fruire della bellezza tutt’intorno.
Una carrellata di artisti (violinisti, pianisti, suonatori di tamburelli, poeti, attori …) danno colore all’evento con le proprie perfomance.
Bambini e ragazzi “speciali” partecipano ai laboratori didattici e collaborano all’allestimento della degustazione di vini del tardo pomeriggio.
A conclusione della giornata un concerto di piano.
Un cordiale saluto.
PROGRAMMA
Ore 17,30 Apertura mostra delle grandi tele del pittore Michel Pochet
0re 18,15 Brani sulla Bellezza interpretati da Ferdinando Napolitano dal Teatro di Corte di Carpi accompagnato dal chitarrista Francesco Esposito
Ore 18,30 Caccia ai tesori nascosti nelle grandi tele per scoprirne il significato profondo a cura di Tatiana Falsini
Ore 19,15 La Bellezza in movimento: coreografia a cura di Rossella Lo Sapio della Scuola di danza Perfomance
Ore 19,45 I cinque sensi del Monte Somma: degustazione dei vini di Cantine Olivella (prenotazione obbligatoria al 339.8776873)
Ore 20,00 Parole di Bellezza: poesie e canzoni con Ferdinando Napolitano e Francesco Esposito
Ore 21,00 Preludio Intrusioni con Paolo Vergari al pianoforte e Carlo Rizzo al tamburello
Musica e immagini: Percorso didattico per i bambini con la violinista Ondina Furnari